Assemblea Elettiva UCINA Confindustria Nautica


Si è svolta a Genova all’interno del rinnovato padiglione Blu della Fiera di Genova l’Assemblea dei soci dell’UCINA Confindustria Nautica che ha rinnovato il mandato quadriennale al Presidente Anton Francesco Albertoni ed ha eletto il nuovo Consiglio direttivo che resterà in carica nel prossimo biennio.

I circa 130 delegati in rappresentanza di circa 260 aziende sono stati accreditati nell’area antistante la sala della riunione plenaria dove erano state allestite tre postazioni di Reception Computerizzata Telemeeting.



Guarda il video







Ciascun delegato riceveva un biglietto di ammissione con l’indicazione dei voti portati in Assemblea ed un telecomando Telemeeting per le votazioni elettroniche.

In sala era stato allestito un maxischermo dove tutti i delegati potevano seguire agevolmente le varie fasi dell’assemblea, mentre il Notaio, il Presidente ed il Presidente del Collegio dei Revisori potevano seguire l’andamento dell’Assemblea su dei monitor posizionati sul tavolo presidenza.

Una volta constatato il raggiungimento dei quorum costitutivo e deliberativo per le elezioni delle cariche sociali, si è provveduto a dare inizio ai lavori con la proiezione dei presenti suddivisi in numero di voti e di aziende, in proprio e per delega e della distribuzione dei presenti in funzione dei principali gruppi merceologici rappresentati in seno all’associazione.

Lo statuto dell’UCINA prevede un doppio criterio per l’elezione delle cariche sociali: I candidati devono ottenere almeno la maggioranza dei voti favorevoli espressi dalla maggioranza delle aziende.

Il doppio criterio implica che, nell’ambito di ciascuna votazione non basti raggiungere il maggior numero di voti, ma questi voti devono essere espressione di un ampio consenso da parte di un numero elevato di aziende socie.

I delegati avevano a disposizione un telecomando Telemeeting e dovevano premere il tasto 1 per esprimere il voto Favorevole. La funzione “voto in risposta” del sistema Telemeeting consente a ciascun delegato di verificare sul display del proprio telecomando che il voto venga recepito in modo corretto dal sistema. Infatti il computer centrale di raccolta voti invia un messaggio in chiaro a ciascun telecomando che consente di visualizzare la scritta “Favorevole” sul display alfanumerico.

I delegati hanno, così, votato i candidati uno per uno per ciascuno degli 11 gruppi merceologici esprimendo il voto Favorevole in numero massimo pari al numero di consiglieri da eleggere. Le preferenze in eccesso venivano automaticamente eliminate. Al termine di ciascun gruppo di votazioni è stato presentato l’esito dello scrutinio in tempo reale. Per ciascun candidato vengono proiettati i voti favorevoli ed il numero di aziende favorevoli. Nel caso di superamento del quorum il dato appare di colore blu, in caso contrario di colore rosso.

Per alcuni gruppi merceologici sono stati necessari un secondo ed un terzo scrutinio per garantire che tutti i consiglieri eletti raggiungessero le soglie previste dallo statuto. Solo al terzo scrutinio era, infatti, ammessa la possibilità di superare uno solo dei due requisiti.

Nonostante l’elevata complessità del sistema di votazione, nell’arco di meno di un’ora le elezioni e gli scrutini sono terminati ed è stato possibile proclamare il nuovo consiglio.